domenica 29 aprile 2012

Bufala: da lunedì oscurano diverse bacheche, nuove regole di Facebook


Un messaggio, come sempre estremamente allarmistico, sta facendo rapidamente in queste ore il giro di Facebook. Nel post si avvisano gli utenti del social network che da lunedì "oscureranno" bacheche, gruppi e pagine senza preavviso, a causa delle presunte "nuove regole" imposte da Facebook per quanto riguarda commenti e post. Il messaggio recita testualmente:

"Da lunedì stanno oscurando diverse bacheche, Gruppi, Comunità e Pagine senza preavviso! Facebook : le nuove regole !!!
1 – Scrivere un testo tutto in maiuscolo è considerato aggressivo e lesivo, verrà indicato come spam!
2 – Scrivere parole allungate,ad es. “bellooooo”, “Ciaoooooo” all’inizio,oppure alla fine di una frase è uno spam, il sito, o il Gruppo o addirittura la Bacheca,corre il rischio serio di venire OSCURATA, senza preavviso!!!
3 – La simbologia alla fine dello scritto ad es. (gli smile !;-) il dispiacere( !:-( !:-/) i cuoricini ( ♥) sono considerati come spam e per tale ragione collochiamo Bacheche, Gruppi e Pagine al serio pericolo di OSCURAMENTO,il tutto senza alcun preavviso!"

Nel messaggio si parla di lunedì, quale? Ovviamente si tratta d'una enorme bufala che si ispira, verosimilmente, al periodo di revisione concesso agli utenti di Facebook in relazione alle recenti modifiche sulle policy della piattaforma. Inoltre, per quanto riguarda lo spam legato ai caratteri, si rifà probabilmente ai commenti marchiati automaticamente come spam da Facebook e che in realtà non portano al blocco di pagine e bacheche.

giovedì 26 aprile 2012

Catena: attenzione comunicato urgente, un enorme Hp (nessun perdono)


Un messaggio alquanto allarmistico continua a fare il giro tra gli animalisti di Facebook e non solo. Nel post (scritto in un italiano approssimativo) si avviserebbe d'un tale José Manuel Antonio Fernandez abitante a Oviedo (in Florida, Usa) che chiederebbe l'adozione di cani per poi ucciderli attarverso la rottura delle ossa con "violenti urti". Il messaggio recita testualmente:

"ATTENZIONEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE COMUNICATO URGENTE: un enorme HP (nessun perdono) adotta per uccidere i cani, stanno contattando pagina adozione: Si prega di diffondersi attraverso tutte le pagine delle adozioni e... consiglio a tutti, soprattutto se è da Oviedo. Il ragazzo che prende i cani ...si chiama JOSÉ MANUEL ANTONIO FERNANDEZ e poi li ha rimossi perché gli rompe le ossa con violenti urti. Lui è tornato alla carica, chiede ovunque alla ricerca di un cucciolo da adottare, abbiamo bisogno di avvertire il mondo ".. si prega di diffondere- MASSIMA DIFFUSIONE PREGO.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!"

Il messaggio inizia, ovviamente, come nelle più classiche catene con un "allerta" scritto in maiuscolo (che su internet equivale a gridare) e caratteri ripetuti. Facendo una ricerca sul Web si tratta d'un messaggio pubblicato originariamente su Yahoo Gropus a Gennaio scorso e tradotto (malamente) in italiano. Cosa sarebbe infatti l'enorme HP? Nel messaggio originario non vi è traccia. Stranamente nel messaggio in lingua inglese vi è incluso anche il link ad un sito Web dove è possibile effettuare delle donazioni...e dove non troviamo alcuna notizia in merito.

Bufala: attualmente in Italia truffa falsi agenti Rai, in zona di Ferrara


Una notizia che sta facendo il giro su Facebook ha messo in allarme gli utenti del social network. Nel post corredato dal logo della Rai, si avvisa che dei falsi agenti del servizio pubblico radiotelevisivo italiano, si presentano come incaricati dell'azienda per riscuotere abbonamenti TV in tutta la penisola. Inoltre nella zona di Ferrara sarebbero stati segnalati preavvisi di pagamento su carta intestata all'Agenzia delle Entrate - ufficio SAT. Il messaggio recita testualmente:

"Attualmente in tutta la nostra penisola, è in atto una truffa dei falsi 'Agenti della RAI'. Se vi suonano alla porta e si presentano come incaricati della Rai chiamate il 113 immediatamente, si tratta di una truffa. Nella zona di Ferrara sono stati segnalati preavvisi di pagamento, su carta intestata all'Agenzia delle Entrate - Ufficio SAT abbonamenti TV di Torino 1 - con allegati falsi bollettini postali, con l'importo di 99,60 euro, da utilizzare per il rinnovo del canone di abbonamento Rai. L'Agenzia delle Entrate ha terminato il comunicato invitando i cittadini che dovessero risultare destinatari dei falsi preavvisi di abbonamento a sporgere denuncia alla Forze dell'Ordine."


Sebbene potrebbe essere verosimile una notizia del genere (di truffatori ce ne stanno molti in giro), stranamente l'avviso è molto simile a quello ufficiale dell'Agenzia delle Entrate che potete leggere qui in formato PDF ma risalente al 21 dicembre 2004! Ovviamente nessuna traccia sul sito dell'Agenzia delle Entrate. E' lecito informare, ma riproporre notizie di 8 anni fa "attualizzandole" per rendere il post più credibile e indicando pure una zona particolare dell'Italia ci sembra disinformativo e destinato a suscitare allarmismo ingiustificato.

domenica 22 aprile 2012

Bufala: E' successo a Buenos Aires, il suo nome è Lucas e ha 3 anni...


La foto di un bambino posto, a quanto pare, tra il parafango e la ruota anteriore di un furgone sta facendo il giro di Facebook. A corredo dell'immagine viene spiegato che Lucas (questo il nome del presunto bimbo), abitante a Buenos Aires, viene messo tutti i giorni dal padre in castigo e minacciato di morte se non si comporta bene. Inoltre, il padre picchierebbe costantemente la madre e altri due fratelli di 13 e 10 anni. Il testo - con inclusi gli errori ortografici - è il seguente (con qualche variazione):

"E' successo a Buenos Aires, Argentina. Il suo nome è Lucas, ha 3 anni e suo padre tutti i giorni lo metti li e lo minaccia che se non si comporta bene lo investirà. Suo padre picchia costantemente sua madre e agli altri due suoi fratelli di 13 e 10 anni. L'uomo adesso è in carcere, ma per quanto?! Una settimana, due, poi uscirebbe per come è entrato. Molte persone vedono ciò che accade ogni giorno questa famiglia. E nessuno fa niente. L'immagine è molto forte, ma mostra ciò che tutti i giorni accade nel Mondo."


In realtà non abbiamo trovato nessuna notizia del genere localizzata in Argentina, nè in altre nazioni vicine e lontane. Non siamo riusciti neppure a trovare l'immagine d'origine, ma ovviamente la consideriamo una bufala dato che non è riportata alcuna fonte. Nonostante ciò vene citata una precisa località, attribuito un nome al bimbo e resa nota l'età degli altri due presunti fratelli. Inoltre, come nelle più classiche delle catene, non viene riportata alcuna data per non avere scadenza. E' giusto sensibilizzare, ma non usare questi stratagemmi per spingere gli utenti alla condivisione.

lunedì 16 aprile 2012

Catena: questi i nuovi autovelox che stanno installando sulle strade


Un messaggio alquanto "allarmante" corredato da una foto sta facendo il giro tra gli utenti di Facebook. Nel messaggio si avviserebbe dell'installazione di nuovissimi autovelox sulle principali strade e autostrade italiane. Questi nuovi aggeggi sarebbero "mimetizzati" nelle barriere di sicurezza a margine della strada e presumibilmente non adeguatamente segnalati. Gli strumenti sarebbero dotati di una piccola telecamera integrata all'interno della porzione di guard rail che viene sostituita. In particolare il post (inclusi gli errori ortografici) recita testualmente:

"Fatela girare , questi sono i nuovi autovelox che stano istallando su le strade , provinciali principali e autostrade . occhio a tutti !!!!!!!!"


In realtà si tratta di autovelox installati sin dal 2006 in Svizzera, come possiamo leggere su questo forum. Non vi è alcuna notizia recente sull'imminente installazione in Italia (l'ultima notizia risale al 2009). In ogni caso la Corte di Cassazione ha stabilito con sentenza n.13727/2011 che l'autovelox va sempre segnalato in anticipo. A questo proposito la circolare del Ministero dell'Interno del 3/8/2007 prescrive ''la segnalazione almeno 400 metri prima del punto di collocamento'' dell'autovelox. Esistono comunque altri modelli ben celati all'interno di box. Il consiglio è di rispettare i sempre limiti di velocità.

domenica 15 aprile 2012

Spam: ottieni gratuitamente Samsung Galaxy Tab, offerta limitata



Un nuovo evento spam sta facendo il giro di Facebook. Dopo la truffa sul social network di Apple che regalerebbe 10.000 suoi prodotti ai più "affezionati" clienti, una nuova bufala sta facendo il giro delle bacheche degli utenti. L'evento in questione, intitolato "Ottieni gratuitamente Samsung Galaxy Tab 10.1 - Offerta limitata", prometterebbe la possibilità di partecipare all'estrazione di diecimila tablet della Samsung se ci si attiene ad eseguire una determinata procedura:

"Offerta promozionale, Samsung ha deciso di regalare 10.000 SAMSUNG Galaxy TAB GRATIS per i nostri utenti online. Cliccare su 'Invita Amici' nella parte superiore della pagina e seleziona i tuoi amici e clicca su Invia. Il buono regalo che si riceve dipende dalla quantità di amici che invitate. Si prega di effettuare tutti i passaggi con attenzione, ogni passo è importante. I destinatari saranno contattati in breve tempo tramite messaggio di Facebook.

Viene poi indicato un link sul quale cliccare che rimanda ad una pagina Facebook della quale si invita a diventare fan. Ovviamente si tratta d'una bufala architettata per diffondere la pagina spam correlata. Come in altri casi  invitare più utenti a partecipare all'evento non significa aumentare le probabilità di vincita. Facebook non vi contatterà MAI via posta per eventuali comunicazioni e controllate sempre sui siti ufficiali delle aziende la presenza di contest.

lunedì 9 aprile 2012

Bufala: Facebook chiede pagamento affitto alle pagine con 10.000 fan


Una nuova bufala sta facendo il giro tra gli utenti di Facebook e riguarda, in questo caso, gli admin delle Pagine. Nel messaggio alquanto allarmante, si avvisa che al raggiungimento di 10mila fan su una pagina Facebook, il social network chiederebbe una "sorta di affitto" dell'hosting, pena il blocco della pagina stessa. Il testo del messaggio è il seguente:

"FB si è accorto che molti utilizzano le pagine fan per i propri interessi commerciali e tale utilizzo lo ha rigirato a suo favore. Dopo i 10.000 fan, chiede una sorta di pagamento d'affitto dello spazio, pena il blocco della pagina."

Ovviamente si tratta d'una bufala. Facebook non chiederà nessun pagamento agli amministratori di Pagine che superano i 10.000 fan e nemmeno disattiverà la Pagina (secondo altre bufale in giro da tempo). Il social network comunque consiglia (indipendetemente dal numero di iscritti) di promuovere la propria pagina attraverso il suo servizio di Adversting http://www.facebook.com/ads/create/.

mercoledì 4 aprile 2012

Bufala: "da venerdì Facebook inizierà a usare le vostre foto in avvisi..."


Una bufala che sta tornando in auge in queste ore su Facebook, descrive la possibilità da parte del social network di usare le foto dei profili in avvisi che appariranno sulle bacheche dei propri contatti e fornisce un presunto metodo per disattivare la funzione. In particolare il testo del messaggio è il sgeuente:

"ATTENZIONE: da venerdì Facebook inizierà a usare le vostre foto in avvisi che appariranno nei profili dei vostri contatti. É legale ed é menzionato nella pagina di creazione dell'account. Per bloccarlo devi: entrare in Account; Impostazioni Account; cliccare su Inserzioni di Facebook,alla voce "INSERZIONI DI TERZI", scegliere "NESSUNO" nei menú e salvare la configurazione."

A parte il fatto che "comparire" sui profili dei nostri amici è un fatto del tutto normale (altrimenti non sarebbero tra i nostri contati), il messaggio che non ha scadenza (da venerdì, quale?) è una riedizione della bufala girata l'anno scorso sulle "Notizie sponsorizzate" e per la quale Facebook ha emesso un comunicato ufficiale. Per maggiori informazioni vi rimandiamo a questo post.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...