lunedì 11 marzo 2013

Bufala: 225 milioni evasi da L'Espresso, la notizia censurata dai media


Una notizia alquanto "clamorosa" sta facendo in queste ore (nuovamente) il giro del Web. Nei post (copi/incollati) si parla di una multa pari a 225 milioni di euro inflitta dalla Commissione Tributaria Regionale di Roma all'ingegnere Carlo De Bedetti, proprietario del Gruppo Editoriale L'Espresso, in merito ad accertamenti tributari emessi dalla Agenzia delle Entrate per fatti risalenti all'esercizio 1991. Negli articoli in Rete si legge:

"C’è una notizia che è clamorosamente passata inosservata in quanto censurata dalla stragrande maggioranza dei giornali, dei canali tv e dei siti web. C’è una notizia che se avesse riguardato Beppe Grillo o Silvio Berlusconi, da molti considerati come il male assoluto, la radice dei disastri italiani, apriti cielo… La notizia è dunque questa che ha riportato Il Giornale: l’ingegnere Carlo De Bedetti, proprietario del Gruppo Espresso, quindi del quotidiano la Repubblica, avrebbe evaso la bellezza di 225 milioni di euro! Ma come, proprio loro? Quelli che si guardano allo specchio per dirsi che sono belli, bravi e buoni? Quelli che tutti gli altri sono sporchi, demagoghi e cattivi? Quelli che fanno il tifo per il presunto campione di rigore e sobrietà, il professor Monti? Esattamente, proprio loro."

L'articolo prosegue:

"Scrive Il Giornale meno di un mese fa, lo scorso 25 maggio: (...)
Il Giornale precisa che il Gruppo L’Espresso aveva vinto la ‘partita’ con il fisco in primo grado e vuole ribaltare il secondo grado ricorrendo alla Corte di Cassazione. Nel frattempo, però, si dovrà attrezzare per pagare 225 milioni di euro. Ora, questa notizia, che i più non conoscono, sta beatamente sul sito internet del quotidiano milanese. La cosa incredibile – si fa per dire – è che cercando con Google informazioni su questa vicenda, non si troverà un bel nulla. Come mai c’è il silenzio tombale? Se la notizia fosse infondata, il Gruppo Espresso avrebbe già querelato da un pezzo gli acerrimi nemici de Il Giornale. Se non è avvenuto, dobbiamo dedurre che le informazioni sono esatte. Parliamo di una cifra colossale. Una cifra che diventa ancora più colossale se pensiamo che i presunti responsabili del misfatto sono quelli che volevano moralizzare Berlusconi e oggi pretendono di moralizzare l’intero paese. Poveri noi."

In realtà la notizia risale a giugno 2012 ma qualcuno ha pensato bene di riproporla senza alcun aggiornamento (sono trascorsi 10 mesi dalla notizia riportata dal Giornale). In Rete troviamo molte notizie e, come riporta La Repubblica, il Gruppo ha annunciato che la Commissione Tributaria Regionale di Roma ha sospeso l'esecutività della sentenza n. 64/9/2012, dopo il ricorso in Cassazione del Gruppo in data 27 giugno 2012. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...