giovedì 23 maggio 2013

Non è una bufala ma un errore della Zecca: 1 centesimo vale 6600 €


Un conio con valore facciale da 1 centesimo di euro ma con il diametro e l'immagine al dritto della moneta da 2 centesimi, la Mole antonelliana di Torino, anziché l'immagine di Castel del Monte in Puglia che dovrebbe essere su tutte le monetine da 1 centesimo. Questo "errore" d'immagine ha fatto alzare a ben 2.500 euro il valore della moneta nelle aste che si occupano di collezionismo. Non è una bufala, ma uno sbaglio della Zecca di Stato

La sagoma della Mole Antonelliana di Torino, è stata battuta all'asta nel corso della vendita numismatica della casa d'aste Bolaffi. L'errore del conio è stato aggiudicato oggi a 6.600 euro (diritti inclusi) a un collezionista italiano. "E' un risultato che supera le nostre aspettative", ha dichiarato Giulio Filippo Bolaffi, ad del Gruppo torinese. Nel 2002 l'azienda torinese aveva annunciato l'acquisizione di sei esemplari dell'errore di conio rinvenuti in alcuni minikit distribuiti da banche e uffici postali nel periodo propedeutico all'introduzione dell'euro. 



La notizia aveva scatenato un caso mediatico e acceso l'interesse dei collezionisti. Subito dopo però le monete erano state sequestrate dalla Guardia di Finanza per indagini.  Ma dopo anni di contenzioso con il Museo della Zecca dell'Istituto poligrafico della Zecca di Stato che ne rivendicava il possesso, l'azienda torinese ha potuto disporre legittimamente dei cent anomali a tutti gli effetti, tra le più rare monete in euro ora sul mercato, e ha annunciato la vendita all'asta di un esemplare il 23 maggio con una base di partenza di 2.500 euro. 

La sentenza del Tribunale di Roma (1278/13) del 23 gennaio scorso ha decretato che l'azienda Bolaffi detiene il legittimo possesso e la possibilità di commercializzare le monete con facciale da 1 centesimi coniate dall'Italia per errore. Gli esperti stimano un centinaio di monete in circolazione: gli effetti della sentenza hanno effetto traslativo su tutti gli esemplari esistenti. Adesso vale la pena dare un'occhiatina a tutti i centesimi che si hanno in tasca: se hanno la cifra 1 da una parte e la Mole antonelliana dall'altra è un bel colpo.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...