domenica 14 dicembre 2014

Bufala: Facebook costerà 3 euro al mese a partire da Gennaio 2015


Un articolo che sta circolando in queste ore in rete, sostiene che Facebook diventerà a pagamento a partire dal primo gennaio 2015. Secondo la notizia, che sarebbe stata diffusa nel corso di una conferenza stampa tenuta da Mark Zuckerberg, fondatore e CEO di Facebook, il social network avrebbe deciso d'implementare un nuovo "piano di servizio mensile" pari a 2,99 dollari al mese. Zuckerberg avrebbe deciso di introdurre la tassa a causa dei "costi crescenti" sostenuti dalla piattaforma. Il provvedimento è considerato "un punto di svolta", ma ha mandato su tutte le furie tanti utenti del social network, mentre molti hanno pensato di disattivare i loro profili.

Come si legge sui Rebubblica che riporta la notizia tradotta da National Report: «In una conferenza stampa questa mattina, Facebook ha implementato il nuovo piano di servizio mensile. Cominciando dal 1 gennaio, il gigante dei social media costerà $ 2.99/mo. “Abbiamo pensato a lungo su questa decisione, ma alla fine della giornata, non abbiamo avuto altra scelta che aggiungere questa tassa mensile,” Facebook fondatore e CEO Mark Zuckerberg ha detto ai giornalisti. 

“Se non facciamo qualcosa per i nostri costi crescenti ora, Facebook potrebbe affrontare un onere finanziario non recuperabile, e diventare obsoleti.” “Questa è un’ottima notizia per i possessori di Facebook azionari”, dice l’analista di Wall Street Dale Sackrider. “A partire da agosto di quest’anno, Facebook ha avuto un totale di 1317 milioni utenti. Se solo il 75% dei membri pagasse la nuova tassa di servizio mensile di $ 3, che significherà un afflusso annuo di denaro per un totale di circa 36 miliardi dollari.


Questo non è solo un aumento dei profitti di pochi dollari, questo è un punto di svolta.” In un’intervista con la CNN, Facebook portavoce Paul Horner ha spiegato il motivo per il nuovo canone mensile. ”tempi economici sono stretti, gli annunci su Facebook non sono così redditizi come avevamo programmato. I nostri costi sono in aumento, come centinaia di migliaia di individui continuano a partecipare al sito ogni giorno “, ha detto Horner. “Ci sono così tante immagini di gatti, e tutti quei costi si sommano [...]”» 

Come si legge su Wikipedia, National Report è un sito satirico e "Paul Horner" è un nome di fantasia utilizzato in molti articoli bufalo/satirici. In realtà, come si legge sull'Help Center, "Facebook è un sito gratuito e non è previsto di rendere l'utilizzo del sito a pagamento. Tuttavia, puoi fare acquisti relativi a giochi, applicazioni e altri articoli". Dalla nascita di Facebook, 10 anni fa, non è la prima volta che vengono diffuse false notizie su presunte quote mensiliL'articolo è stato rilanciato in queste ore probabilmente perché Zuckerberg ha tenuto una conferenza stampa in cui ha parlato, tra le altre cose, del pulsante "Non mi piace", richiesto a gran voce da molti iscritti.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...